La seconda tecnica – Il Last Hunt

6B 22mag15 LH

Abbiamo già parlato della prima e della terza delle mie tecniche, rispettivamente il Broken Glass e l’RVM. Non ho ancora accennato alla seconda tecnica: il Last Hunt. Nonostante di questa tecnica parleremo nel dettaglio solo da settembre di quest’anno, volevo dartene un primo e fugace assaggio.

Se il Broken Glass era un pattern di continuazione del trend, il Last Hunt lo è di inversione e permette di entrare controtrend sui minimi o sui massimi di mercato.

Quella che vedi sopra è un’operazione scattata venerdì scorso sul Pound. Come puoi notare la tecnica permette di prendere il prezzo proprio nel momento della sua inversione. D’altra parte, come è noto, io non sono Nostradamus, e per questo non mi piacciono né i trade di pancia né quelli a sentimento.

Eseguire questa operazione non è stata una scelta, ma un’imposizione del mio metodo. Io dovevo eseguire in un certo modo questa operazione perché la mia strategia in quel momento lo richiedeva.

Il concetto che sta alla base della figura è relativamente semplice ed è quello di ultima caccia agli ordini. Nella fattispecie, i Market Movers vanno a pescare per l’ultima volta gli ordini prima di raggiungere uno dei loro target. Dopo questa mossa il mercato ha sostanzialmente tre possibilità: o inverte il trend o continua nella sua direzione o entra in congestione. Ma la cosa importante è che prima di abbandonarci all’incertezza di tale decisione noi avremo già portato a casa il nostro primo sacrosanto profitto.

Come scrissi in altri luoghi e in altri tempi: prima il pane e poi, se arriva, anche il salmone. L’importante è non essere mai ingordi e anche ti se sembra di accontentarti unicamente delle briciole, non ti devi dimenticare che in fin dei conti è proprio una collezione di briciole che fa la pagnotta intera.

E poi, come dice sempre mio padre, i conti si fanno sempre a fine anno.

Il Segreto dei Market Movers è il segreto di sapere come mangiare senza ingozzarsi

Buona giornata

Sprappi

6 thoughts on “La seconda tecnica – Il Last Hunt

  1. Buongiorno Vittorio
    Questa tecnica che tu chiami Last Hunt, l’ho sperimentata io stesso dopo aver monitorato per mesi alcuni titoli volatili.
    Uno fra questi il petrolio.
    Ma considerata la forte volatilità dello strumento bisogna calibrare attentamente lo stop loss, e spesso non è facile.
    Cordiali saluti
    am

    • Ciao Alessandro, sono perfettamente d’accordo con te. Parleremo in maniera più approfindita di questo pattern dopo settembre.

      Buona giornata

      Vittorio

  2. Ciao Vittorio! Grazie per condividere queste tue perle! Una domanda spontanea: per questo pattern usi qualche indicatore o fai solo un analisi delle candele?

    • Per questo pattern utilizzo unicamente l’analisi del prezzo. Di solito non uso indicatori se non in rari casi.

      Molte grazie.

      Vittorio

  3. Ciao Vittorio,
    cosa ti fa prendere quel livello come riferimento? Le accelerazioni ribassiste, ovvero quelle 2 barre con aumento di volatilità dopo le 9:15?
    Sinceramente vedevo ordini un po piu’ sotto rispetto a quel livello quindi non avrei preso in considerazione quel trade…….
    La caccia agli stop e abbastanza evidente comunque!!!!

    • Ciao Francesco, la figura del Last Hunt ha già implicita la posizione degli ordini. E’ una cosa che comunque avremo modo di approfindire bene in futuro. In ogni caso la tua osservazione è molto acuta e per nulla banale.

      Buon pomeriggio

      Vittorio

Lascia un Commento