La fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo

La scorsa settimana un nuovo allievo è venuto a Bologna e non sono riuscito a fare trading. Quando però  venerdì pomeriggio sono rimasto solo ho aperto la piattaforma per vedere se c’era qualcosa di interessante da fare. Ho trovato le due bellissime entrate sul Mini Russell a 5 minuti che vedi sotto , effettuate grazie al mio fedelissimo Last Hunt.

A volte arrivano al mio studio dei veri e propri personaggi. L’allievo della scorsa settimana era un chimico ligure. Durante il viaggio per venire da me è stato investito da un motorino ed è arrivato mercoledì mattina dolorante al fianco sinistro del torace.

Mio padre, ma non solo lui, è convinto che le sfighe non arrivino mai sole. In un certo senso gli eventi sfortunati richiedono una certa forma mentis da parte del malcapitato. C’è chi parla di legge di attrazione, c’è invece chi si spinge più semplicemente a parlare di flussi di energia. In fondo è la nostra mente a governare tutto. Quando siamo convinti che tutto andrà male, andrà sicuramente male.

Essere ottimisti non significa essere degli scemi felici, ma vuol dire che si è ben predisposti a sfruttare le occasioni positive che ti vengono donate dal mondo. I treni passano, alcuno li prendono al volo, altri viaggiano in prima classe, altri invece sono arrivati sui binari che la locomotiva era già lontana. Il mondo, lo sappiamo tutti, è un posto meraviglioso. Ma è vero anche che quando ci si mette può diventare un vero stronzo.

Capita a tutti di prendere prima o poi tre o quattro stop di seguito. Nulla di grave. A meno che non cominci a mettere in dubbio il tuo sistema. In tale circostanza non hai accusato delle perdite per sfiga, ma per la normale statistica in gioco. La negatività te la attiri addosso quando non credi più in te stesso, nelle tue capacità, nel tuo circostante e soprattutto nel tuo metodo.

TF 15apr15

La sfortuna nel trading non esiste. Lo dimostra il metodo non discrezionale a cui sto lavorando in questo periodo, che mi permette di guadagnare con una percentuale elevatissima. Stiamo parlando di uno stop ogni dieci operazioni. Non è che tu sei sfigato ed io ho perpetue botte di culo.

Chi ha perso centinaia di migliaia di euro in borsa, o chi addirittura milioni, sa benissimo di cosa sto parlando. Non si perdono tanti soldi per sfortuna, ma per una serie di cagate che il trader fa a causa del proprio orgoglio, del proprio non sapere incassare i colpi.

Ogni stop, ormai lo sa anche il mio gatto Freud, può essere una pugnalata alle spalle del proprio ego se non viene interpretato bene. Se vuoi guadagnare tutti i giorni prima di tutto devi avere fiducia in quello che fai. Se non hai questa fiducia fai un back test in paper mode della tua strategia. Sono sufficienti 50 trade analizzati sugli storici recenti per mettere alla prova la tua strategia strategia.

Il trader professionista non è un mago e neppure uno che guadagna grazie a perpetue botte di culo. Il trader professionista è uno che controlla tutto ciò che può. Di ciò che non può controllare non se ne fa un problema. Perché sa benissimo che la sfiga esiste solo per chi crede che esista. Tutto il resto è contingenza, per non dire chiacchiere al tanfo di medioevo.

Buona giornata

Sprappi

Lascia un Commento