Il trader delle caverne

Avevo 22 anni e studiavo Filosofia all’università. Avevo un buon metodo e lo studio non mi impegnava più di un paio di ore al giorno. Avevo quindi molto tempo libero da sfruttare. Navigando su internet a tempo perso continuavo ad imbattermi in pubblicità di Broker per il Forex. Come accade a molti, attratto dalla cosa, cominciai a leggere ed ad interessarmi sempre di più.

Per natura nasco prudente, con una propensione al rischio veramente molto bassa. Per me affidarmi alle sorti del mercato era come fare una scommessa al casinò. Ero molto scettico sulla possibilità di fare soldi così facilmente come dicevano le pubblicità. In ogni caso la cosa mi attirava, e decisi, anche se a dovuta distanza e con le mutande piombate, di avvicinarmi gradualmente a questo ambito.

La prima cosa che imparai fu quella di tracciare delle linee diagonali per definire i confini di un trend. La seconda cosa fu quella di mettere sul mio grafico una serie di indicatori, talmente tanti che facevo fatica a vedere l’andamento dei prezzi. C’erano così tante linee incrociate sul mio schermo che alla fine della giornata ero strabico.

Questo fu il mio primo inizio nel mondo del trading. Sì, il primo inizio, perché ne ho avuti quattro di inizi. Ho ricominciato daccapo ben tre volte: per tre volte ho creduto di avere capito tutto, di avere trovato l’indicatore, la dinamica, il frullatore, il vibratore della mia vita, e per ben tre volte mi sono ritrovato con un pugno di mosche.

Al crollo delle illusioni segue il peggior senso di smarrimento che una persona possa provare in vita sua. Più se in alto, più ti fai male quando cadi, e devo dire che in alcune occasioni mi sono davvero trovato sulla cima di un grattacielo. La sofferenza più grossa si presenta come un contrappasso. Prima sei euforico e sicuro di te, dopo sei uno straccio, una pezza da buttare.

Ma non mi sono mai perduto d’animo. Ho sempre creduto che per riuscire in qualcosa sia necessario impegnarsi a fondo e per tanto tempo. Accusato il colpo iniziale, mi sono sempre rialzato, e rimboccandomi le maniche ho ricominciato il lavoro e gli studi dall’inizio.

Immagina di essere all’esame di maturità, di fronte alla commissione per il colloquio finale. Tu cominci ad esporre la tua tesina, quando un professore ti ferma e ti dice che tutto quello che stai dicendo sono cazzate. E non solo non passerai l’esame, ma devi ricominciare tutto dalla prima elementare.

Questo giochino l’ho vissuto ben tre volte sulla mia pelle. Al quarto inizio, per fortuna, la strada era quella giusta. E da allora è stata solo salita.

Tutto questo per dirti, caro amico, che anche io ne ho mangiata di polvere nella mia carriera di trader. Tutti prima o poi la mangiano, nessuno escluso. Quindi, se ti senti demoralizzato per una sconfitta, se vedi che la tua strategia non ti dà i risultati sperati, se ti senti male quando apri il grafico la mattina o se provi un forte senso di colpa per delle perdite accusate a causa di tuoi errori ti dico: è normale.

Fa tutto parte del percorso di formazione che hai scelto. La strada è difficile ma possibile, ed io che guadagno tutti i giorni so bene quello che provi e sono qui per aiutarti, se e quando lo vorrai.

Dax 21ott15 trend

Nell’immagine che vedi sopra, un’operazione sul due minuti del Dax del 21 ottobre 2015. Ti segno dove sono accumulati gli ordini con le frecce rosse. Con la freccia verde ti indico dove era messo il mio stop loss iniziale. Come vedi, investimento molto piccolo e benefici potenziali molto ampi.

Stop piccolo sempre in canna e ottima conoscienza delle dinamiche dei mercati. Per qualsiasi approfondimento sai come e dove trovarmi. Scrivimi qui sotto, in privato o chiamami direttamente al telefono. Il tuo profitto è la mia più grande soddisfazione, il mio Karma e una boccata d’aria fresca fuori dalla caverna del trader.

Buona giornata e buon inizio settimana a tutti

Sprappi

Il Segreto dei Market Movers

 

10 thoughts on “Il trader delle caverne

  1. Buongiorno, Vittorio.
    In base a che cosa hai scelto di operare sul due minuti e non su altri time frame?
    Grazie molte
    Fabrizia

    • Buongiorno Fabrizia, ci sono una serie di regole che determinano la scelta del timeframe. Prima tra tutte la presenza di un punto di ingresso grafico, che nel caso delle mie tecniche si tratta di una rottura o di un recupero.

      Buona giornata
      Vittorio

  2. Ciao Vittorio sempre unico e il migliorare sia sul lato psicologico che tecnico operativo.
    Una domanda: cosa intendi per accumulo di ordini e cosa te lo fa capire l’ampiezza della candele ,la forma o i volumi che vedi sul future?.
    Grazie in anticipo per la risposta e ancora complemententi per il gruppo e blog che hai creato.gente che ti segue e ci crede in te.
    Bravo tuo amico e follower leonardo.
    Buona giornata

    • Ciao Leonardo, un accumulo è una zona del prezzo in cui sono posizionati gli stop loss e i pendenti dei polli. Ci sono particolari ragionamenti per capire come individuarli, e possono coinvolgere sia l’ampiezza delle candele sia, ma più raramente, i volumi degli eseguiti.

      Buona giornata caro

      Vittorio

  3. Ciao Vittorio, interessante che l’entrata sia anche a favore di trend.

    Per quanto riguarda la piattaforma, c’è qualche ragione particolare per cui hai preferito la Ninja Trader alla Global Zen?

    • Ciao Flavio, buongiorno. Preferisco la Ninja perché metto gli ordini dal grafico e rispetto alla Global è molto più veloce.

  4. Ciao Vittorio.I tuoi articoli sono sempre entusiasmanti. Complimenti! A proposito di Ninja trader, come alimenti la piattaforma ? Con dati IQFEED o altri flussi americani? Immagino anche il broker sia USA? Scusa troppe domande tecniche. Saluti G

  5. Vittorio per tre volte credevi di aver capito e trovato il Metodo di trading e per tre volte sei stato disilluso. Alla quarta volta che cosa ha fatto la differenza? Dopo quanto tempo (mesi, settimane. .) hai iniziato a capire che eri sulla strada giusta?
    In quanto tempo hai raddoppiato il tuo conto da duemila?
    Ciao e grazie!
    Fabrizia

    • Ciao Fabrizia, la quarta volta la differenza l’hanno fatta una serie di felici intuizioni, poi subito confermate dal vecchio trader spagnolo durante il periodo di Barcellona.
      Il conto da 2000 euro l’ho raddoppiato circa in due mesi di operazioni mirate. Oggi a fare il 100% del capitale al netto delle commissioni ci metto tra le due e le tre settimane.

      A presto

      Vittorio

Lascia un Commento