I Micropeti: i Market Movers dell’intestino

Capita a tutti prima o poi di lasciarsi andare a qualche scorreggia. In maniera più palese noi uomini, con modalità maggiormente più pudiche e velate le esponenti del gentil sesso.

Anche coloro che si credono più “tappati” non sono da meno. Esistono infatti i cosiddetti MICROPETI, piccole espulsioni silenziose (ma spesso fatali) che servono all’intestino per mantenere durante tutta la durata del giorno il proprio equilibrio biochimico.

I primi tempi in cui studiavo trading, cercando di fare diventare questa passione una professione, la tensione nervosa mi faceva somatizzare a livello del colon. Il cosiddetto colon irritabile o colite. E’ una cosa abbastanza comune tra i trader, nessuno può sfuggire al proprio sistema nervoso. Neppure coloro che si credono delle pietre viventi.

Dentro di noi ci sono Market Movers che manipolano le sostanze in modo tale da rendere il massimo beneficio per l’organismo con il minimo sforzo. La stessa identica cosa accade in borsa. I pescecani, i ladroni fanno proprio questo. Accendono i loro meccanismi unicamente a determinati livelli del prezzo e fregano i tuoi soldi e quelli di altri sventurati trader, la cui unica colpa è stata di passare di lì in quel momento.

Amo molto scorreggiare, soprattutto adoro i diversi tipi di flatulenza che possono derivare da questa attività. Immagina adesso che ogni operazione che apri a mercato sia una scorreggia. Ognuna con le proprie caratteristiche organilettiche e fenomenologiche, ognuna che promette un finale a sorpresa.

ES 19ott15

Quante volte hai trattenuto un peto nel tentativo di salvare i presenti da una misera fine? Quante volte hai esitato ad entrare in un trade perché non ti fidavi del tuo metodo? E quante altre credevi di avere in mano lo scettro del controllo e alla fine hai fatto una cagata abominevole?

Fiducia nel metodo e capacità di riprodurlo ogni volta che se ne pone l’esigenza statistica, sono questi alcuni dei dettagli fondamentali per il successo del trader sul lungo periodo.

L’operazione che vedi sopra è stata effettuata sul mini S&P 500. In passato tradavo molto poco su questo derivato a causa della scarsa volatilità. Oggi i mercati sono molto più volatili di allora e lasciano ottime possibilità di profitto anche su quegli strumenti che un tempo per vari motivi venivano snobbati.

Il bravo trader è quello che sa scorreggiare al momento giusto e senza vergogna. E’ colui che riesce con scioltezza ed agilità mentali a cambiare prospettiva ogni qual volta se ne pone la necessità.

Con questa operazione rischiavo molto poco, abbondantemente al di sotto dell’1% del mio conto. Oggi richiederò al mio broker il prelievo dei miei guadagni. 12.534 euro al netto delle commissioni portati a casa in meno di tre settimane di lavoro, a partire da un conto di 10.000, lavorando tre giorni a settimana e non più di un’ora e mezza al giorno.

Fatti tu i calcoli di quanto viene all’ora. Direi tranquillamente lo stipendio di un senatore.

Vivi in libertà e scorreggia in faccia a chi vuoi. Sei trader, mica deputato, te lo puoi permettere.

Buona giornata

Sprappi

Il Segreto dei Market Movers

 

 

 

4 thoughts on “I Micropeti: i Market Movers dell’intestino

  1. Ciao VIttorio…scusa se ti disturbo ma non ricevo più le news anche se sono regolarmente iscritto….
    Grazie per l’attenzione
    am

    • Ciao Alessandro, sei regolarmente iscritto, ho controllato. Dovresti ricevere le mail, altrimenti prova a iscriverti nuovamente. Fammi sapere se il problema persiste.

      Buona serata

      Vittorio

  2. parole sante vittorio fiducia nel metodo pero’ nel web ti fan credere di essere bravi trader e avere strategie vincenti e invece…..bla, bla. grandi venditori di corsi e marketing…
    tu si che hai un metodo e lo dimostri e tradi insieme agli squali. complimenti in 3 settimane piu’ che raddoppiato il conto.
    scusa una info l’entrata che hai fatto sopra e’ riferita’ mini s&p 500 tf 5 minuti riferita a che giornata?
    grazie leonardo.

    • L’operazione è dell’altro ieri, 19 ottobre 2015, su timeframe a 5 minuti. Si era creata una gran bella situazione nonostante fosse di mattina e l’America chiaramente chiusa. Era un Last Hunt, una delle mie tecniche preferite.

      A presto caro

      Vittorio

Lascia un Commento