Gli articoli di Bruno – Il lavoro ammazza il leone

SIGNORI BUONGIORNO

ben ritrovati al nostro appuntamento. Sempre in virtu’ delle festività natalizie vorrei condividere con voi una piccola conversazione con un mio amico indaffarato nel trovare i migliori prodotti ai prezzi più bassi.

Alche’ mi è sorta subito una domanda:

Come fai a spendere soldi senza avere un lavoro stabile?

Sai caro Bruno il LAVORO NOBILITA L’UOMO nel senso che se uno ha obbiettivi come in questo caso, di fare dei regali, si lavora extra e si guadagna la somma da investire per realizzare ciò che uno desidera.

Ecco, questo detto molto in voga io lo schifo, perché ho sviluppato un mio contro proverbio a cui ho risposto, si, se il lavoro nobilita l’uomo IL LAVORO AMMAZZA IL LEONE!!! questo contro proverbio l’ho sviluppato per caso guardando un documentario su discovery channel.

Il leone secondo i nostri miti dovrebbe essere il re della foresta. Ma guardandolo attentamente non fa nulla tutto il giorno, si sta comodamente seduto, e ci sono altri che provvedono a suoi bisogni. Eppure pensai…è un leone, forte quindi se lui non si spreca ci sarà un motivo. E trovai subito una risposta, certo! Perché il lavoro ammazza anche lui.

Potete solo immaginare com’è finita la discussione….

Vorrei condividere con voi 2 operazioni eseguite in un orario insolito.

Devo dire anche che mi son trovato al pc per puro caso.

rvm-su-acc

Notiamo subito che c’è stata un aumento di volatilità non indifferente. Situazioni davvero golose per chi le sa sfruttare.

Dopo che il prezzo effettua una correzione a ribasso, dopo una piccola salita, noto con piacere che il prezzo effettua un piccolo rimbalzino su un punto abbastanza propizio per effettuare una piccola entrata a rialzo.

Entrata che viene definita un RVM quindi, per i lettori del blog, sappiamo che questo tipo di configurazione ha un target fisso in un punto preciso.

L’operazione va in stop profit. Ma subito dopo si configura un’altra occasione prettamente in saclping per riprovare a prendere il target.

continua-rvm

Inutile dirlo che se la seconda operazione sarebbe andata in stop, avrei portato comunque un buon profitto.

Non focalizzatevi troppo sui punti d’ingresso, perché ci sono altri punti per prendere quel movimento.

L’importante è capire le DINAMICHE che rappresentano quel movimento.

Nel MASTER IN DINAMICA DEI MARKET MOVERS di Vittorio Sprappi è tutto spiegato.

La maggior parte di noi è ben lontana da essere leoni, figuriamoci all’uomo comune cosa può provocare il duro lavoro.

Precisazione per chi magari è occasionale, o possa fraintendere, non sto offendendo le categorie di lavori, il lavoro è nobile nella misura in cui si apporti un reale progresso alla società ma soprattutto a sé stessi ma lavorare per altri o per soddisfare circostanze inutili credo che non ci sia nulla di nobilitante.

Buona giornata
Bruno

2 thoughts on “Gli articoli di Bruno – Il lavoro ammazza il leone

  1. Ciao Bruno

    Il lavoro nobilita l’uomo, è una citazione che può essere corretta in determinati frangenti ed entro certi limiti…oggigiorno non mi sembra di riscontrare queste condizioni…anzi, direi che spesso ci troviamo nella situazione di dover vendere letteralmente il nostro tempo a qualcun altro, avendo solo obblighi gravosi e nessuna tutela da parte di chi dovrebbe farlo.

    Bella anche la tua operazione….il pattern RVM è una figura che ancora non conosco ma, spulciando per il blog, credo di aver capito la sua dinamica generale: il prezzo crea un minimo\massimo che, in base a determinati accorgimenti, come lo studio delle accelerazioni, possiamo definire “vero”…. nel senso che tutto il movimento che verrà dopo quel punto, è un bluff organizzato da i Market Movers…ad un certo punto il falso movimento finisce e inizia il recupero del medesimo, che proseguirà almeno fino al punto di partenza che abbiamo identificato appunto come Vero Minimo\Massimo.

    Correggimi se ho detto cose inesatte, grazie pe rla tua condivisione, alla prossima

  2. Ciao Stefano, a grandi linee e’ cosi, bravo.
    Pero’ ti sconsiglio di operarci sopra fino a quando tutte le dinamiche non ti sono chiare.
    Grazie, un saluto!
    Bruno.

Lascia un Commento