Gli articoli di Bruno – Crolli improvvisi

Un saluto a tutti gli amici e seguaci del blog.

Quest’oggi ritengo doveroso scrivere qualche riga per ricordare il terremoto avvenuto nel centro Italia il 30/10/2016 con epicentro a NORCIA di magnitudo 6.5 scossa che io ho avvertito nonostante vivo ad oltre 500 km di distanza. Per fortuna non ha fatto stragi umane ma solo danni materiali, però personalmente non ho ancora trovato risposta alla domanda di come mai scosse di media intensità possano provocare simili danni.

Quello che sto notando è che un problema così grave di primaria importanza non sta ricevendo la dovuta attenzione ma si sta dando più spazio alla fasulla priorità del referendum del 04/12/2016, tranquilli non intendo dilungarmi oltre o iniziare polemiche inutili, stavo solo scrivendo ciò che noto.

Il terremoto dovrebbe far riflettere tutti noi perché in pochi secondi ha spazzato via certezze e automatismi consolidati da anni, questo mi fa molto riflettere di come sprechiamo la nostra vita nel futile e a vivere di priorità inesistenti e madre natura ogni tanto ci rammenta che basta un niente per spazzare via tutto il superfluo.

Il grande fisico e non solo ISAAC NEWTON con la sua terza legge AD OGNI AZIONE CORRISPONDE UNA REAZIONE UGUALE E CONTRARIA lo ha ampiamente dimostrato. Ora so che vi state chiedendo cosa centra con il terremoto e soprattutto con il trading? La risposta è molto semplice ed è la seguente, ovviamente prendetele sempre come riflessioni puramente personali e non come verità supreme.

Con il terremoto ha attinenza in quanto esiste come fenomeno naturale in quanto madre terra è un pianeta attivo e questa è una certezza che credo sia difficilmente contestabile, ma è la stupidita dell’uomo a causare danni.

Con il trading invece ha molta più attinenza di quanto si può immaginare perché se con la nostra decisione intraprendiamo una azione chiaramente il mercato avrà una sua reazione questo credo sia molto banale e facile da comprendere il difficile è appunto sapere quando magari fare la cosa non dico giusta ma perlomeno più probabile a nostro vantaggio quindi per sapere e conoscere le giuste dinamiche.

Come abbiamo la certezza dei terremoti in quanto fenomeni naturali della terra per quanto riguarda il mercato come dice il buon e saggio Vittorio Sprappi l’unica certezza che abbiamo è lo stop loss bene ragazzi mi fermo qui non voglio ammorbarvi ancora.

Vi mostro una piccola operazione sul Dax il 16/11/2016

scalping

L’operazione nasce come un’operazione di scalping.

È stato un tentativo per provare a chiudere il micro gap formatosi in prossimità del mio target.

Questo genere di operazioni spiegate da VITTORIO SPRAPPI durante IL MASTER IN DINAMICA DEI MARKET MOVERS, sono molto utili soprattutto nei periodi di alta volatilità come questa per tenere gli stop loss molto stretti.

Concludo con un augurio per una ripresa morale nella speranza che nella ripresa materiale le istituzioni facciano la loro parte.

Buona giornata

Bruno

2 thoughts on “Gli articoli di Bruno – Crolli improvvisi

  1. Ciao Bruno

    Concordo appieno sulle tue affermazioni…nella vita, se ci pensiamo, si possono trovare molte più analogie di quanto siamo portati a credere, basta soffermarsi di più sulle cose che osserviamo ogni giorno…e cercare quindi di trarre insegnamento da esse.

    L’unica certezza assoluta della Borsa, è che se si abbassa la guardia, si può spianare in conto anche in poche mosse…l’unico modo che abbiamo per evitare ciò è imparare a selezionare i trade e usare sempre lo stop loss… il resto, sono tentativi, come del resto anche la vita di tutti i giorni.

    Grazie per la tua condivisione, un saluto, alla prossima!

Lascia un Commento