A caccia di polli da spennare

La mia è una famiglia di cacciatori. Sin da bambino sono stato abiutuato a mangiare cacciagione di tutti i tipi: dall’allodola al cinghiale, dall’anitra al daino. In passato ho provato in tutti i modi di appassionarmi a questa attività ma senza risultati.

In primo luogo, anche se mi piace svegliarmi presto alla mattina, non mi alletta affatto alzarmi alle due di notte per mettermi in mezzo a una palude per aspettare l’arrivo degli anatidi. In secondo luogo, ormai lo sanno anche i muri, sono pigro. La mia pigrizia è sempre stata un incentivo per andare oltre, per cercare nuove strade ed inesplorati orizzonti per modellare il mondo e la vita a mia immagine e somiglianza.

Non potrei mai lavorare otto ore al giorno, e neppure avere un capo o un superiore. Diventerei sicuramente un serial killer già dopo la prima settimana di prova. Insomma, non durerei molto a fare una vita del genere.

Nonostante non sarò mai un cacciatore di animali, la passione per la caccia è nata in me in ambito finanziario, da quando conosco le dinamiche che i Market Movers utilizzano ogni giorno per manipolare il mercato. I loro quotidiani movimenti mi permettono di guadagnare da anni e con costanza sui mercati a discapito delle centinaia di polli che ogni giorno imperversano sui principali strumenti mondiali.

Dax 11sett15 MV

Il pollo è sostanzialmente l’adolescente che prima era pulcino e che poi diventerà o gallina o gallo. In sostanza il pollo non è né carne né pesce, è appunto un pollo.

Si può pensare che il pollo sia stupido, ed effettivamente lo è. D’altra parte è anche molto cocciuto, e quando si mette in testa una cosa è difficile fargli cambiare idea.

Il pollo che entra a mercato e decide che il prezzo dovrà andare al rialzo non cambierà mai idea. Lui, dal suo punto di vista, è un essere infallibile.

L’operazione che vedi sopra ne è un chiaro esempio. Io, assieme ai Market Movers sono andato short, mentre la massa di pennuti credeva che sui minimi il mercato potesse invertire.

Nulla di più sbagliato. Ricordarti caro pollo che l’inversione è una sola, e se il trend è forte rischi di prenderti il controtrend in quel posto per tutta la giornata.

Caro pollo, l’universo è un posto crudele. Sappi che quando entri a mercato non fai altro che arricchirmi sempre di più. Io so come fare, tu credi di saper come fare. C’è una bella differenza.

Se tu, invece di credere, osservassi il grafico, io non avrei più lavoro. Ma per fortuna mia, tu ti credi un veggente, ed io sono certo che con le scemenze che continuerai a fare avrò per sempre un posto nell’Olimpo dei trader.

Buona giornata

Sprappi

Il Segreto dei Market Movers

 

 

4 thoughts on “A caccia di polli da spennare

  1. Buongiorno Vittorio e complimenti come al solito.
    Volevo chiederti se usi quotidianamente le bande di bollinger per le tue tecniche e secondo te qual è l’utilizzo più proficuo.
    grazie.
    Antonio A

    • Ciao Antonio, grazie per i complimenti. Uso le bande di bollinger per stabilire la volatilità media del mercato, anche se a occhio e per esperienza riesco a definirla comunque.

      Buona Giornata

      Vittorio

  2. Ciao Vittorio,
    bellissima operazione eseguita a regola d’arte!
    I mercati finanziari sono come aree di caccia; caccia ai polli e selvaggina di vario genere…
    bisogna essere preparati, avere un piano di difesa e di attacco per sapere cosa fare in ogni situazione.
    Complimenti per l’operazione.

    ciao e buona giornata

Lascia un Commento